Charter palamite

 

Charter Altura

 

Charter Estero

Indice BigGame.it
Indice Charter di PescaPesca di pesca alla Palamita




La pesca alle palamite, sgombri, occhiate praticata dai barconi o o motonavi italiane.


Il charter un modo economico per avvicinarsi al mondo della pesca in mare.




I charter italiani per la pesca d'altura al tonno, squali, alalunghe, nei nostri mari.


Charter all'estero, per la pesca nei mari tropicali, al marlin, vela, wahoo, ecc.

Palamita luoghi e periodi

La palamita, questo pesce tanto ambito, é ormai una decina d'anni che anche in adriatico, si é installata a dir poco in modo stanziale. A conferma di ciò é l'aumento del periodo di pesca, che continua ad anticipare e posticipare i mesi utili per le catture.

E' risaputo che é una preda tipica del tirreno, insidiata prevalentemente alla traina, ma é venuta alla ribalta anche in adriatico, da nord a sud compresi. L'abbondanza del novellame come i branchi di sarda, acciughe, sgombri, e la presenza delle piattaforme metanifere sparse un po' su tutto l'adriatico, alla distanza media di 10 miglia, sono state le condizioni favorevoli allo svilupparsi di questo predatore. Non è raro trovarla in branchi anche lontano dalle piattaforme, o in vicinanza della costa. Capita spesso a chi é a bolentino a sgombri, di allamare delle palamite anche se non di dimensioni considerevoli.

Il periodo per la pesca sono i mesi estivi fino al tardo autunno, quando le prede raggiungono dimensioni a volte di circa 6 Kg, mentre la media é da 1,5 a 3 Kg.

I comandanti dei barconi o delle motonavi che praticano i charter alle palamite, conoscono bene i luoghi e sono soliti rimanere in vicinanza delle piattaforme (la legge non consente di avvicinarsi a più di 500 metri dalle piattaforme) sopracorrente, cosicché la pastura richiama il pesce facendolo uscire dai piloni delle piattaforme e una volta sotto la barca, ci rimane finché non andate via o finché non arriva un predatore più grosso.

A proposito di predatore, alle volte può capitare di avere poche catture rispetto a precedenti uscite, soprattutto ad inizio stagione, giugno e luglio, state certi che nelle vicinanze c'è sua maesta il tonno, che fa tenere le palamite sul fondo in mezzo ai piloni delle piattaforme. E' già capitato a qualcuno, nelle piattaforme antistanti pesaro, di perdere la palamita al guadino, perché all'ultimo momento é comparso il tonno che, con gran spavento del pescatore che non se l'aspettava, ha portato via la palamita e il filo.

Tenetevi sempre a portata di mano un oggetto per tagliare la lenza se non volete vedervi sbobinare il mulinello, tanto quello non si ferma.

Vi auguro, una volta arrivati in zona di pesca, di non avvistare il tonno perché il più delle volte, se c'é lui, di palamite se ne vedono poche.

Gli orari

Come per la gran parte dei predatori, anche per la palamita gli orari migliori della giornata di pesca sono quelli che precedono il tramonto e alcune ore più tardi. In queste ore, la palamita diviene aggressiva e si getta con più disinvoltura sulle esche, aiutata dalla minor visibilità dei terminali.

E in questo momento che bisogna avere tutto l'occorrente pronto e non perdere tempo inutile sulle montature e terminali.

Buone sono comunque anche le prime ore del mattino.

( Canne e mulinelli )

 

Agli Operatori di Charter

Volete inserire informazioni aggiuntive al vostro charter di pesca?

BigGame.it e pronto a dare spazio alle vostre iniziative con l'inserimento nel presente sito delle informazioni necessarie ai lettori (approdo, periodi, orari, costi, attrezzature ecc..).

Se siete interessati, scrivete a info@biggame.it .

 

Menu Palamita

Premessa

Tecniche di pesca

Luoghi e periodi

Canne e mulinelli

Esche

Terminali

Approfondimenti nel Forum

Elenco charter italiani

 

22 Marzo - 2002 (Powered by Net Tuna)